C'era una volta ...

 

Gli anni 50' e 60' sono stati il momento della ricostruzione di un'Italia che,  insieme all'Europa intera, usciva da una guerra devastante anche per le coscienze.
Ma la voglia di ricominciare e di ricostruire era forte sia nelle grandi città come nella lontana periferia, dove piccoli e grandi imprenditori cercavano di creare nuovamente quel tessuto sociale, che è tenuto assieme principalmente dal lavoro e dai rapporti che ne derivano.
Amedeo e Maria Visentin si concentrarono su ciò che sapevano fare meglio: la ristorazione.
La piccola trattoria e il bar erano punto di riferimento per tipi molto diversi di umanità.
Il mattino alle cinque o all'ora di pranzo i trasportatori di merci che "facevano la spola" tra Padova e Verona, si "incrociavano" con gli agenti di commercio che "macinavano" chilometri dal Brennero a Venezia per vendere gli articoli delle aziende che rappresentavano.
E tra un cappuccino e un panino al prosciutto e un bicchiere di vino e un piatto di pasta, nella sala risuonavano forti le preferenze per le squadre di calcio o i cliclisti professionisti. Il colletto bianco parlava con la tuta sporca di olio, e l'umanità vinceva sulle differenze sociali.
Tra le dieci e mezzogiorno invece era la "bottega" ad animarsi quando le donne del paese  si preoccupavano di acquistare il necessario per cucinare qualcosa da dare da mangiare ai mariti che tornavano stanchi e affamati dalle campagne.
A quei tempi i libretti di credito erano la moneta corrente fino all'arrivo dello stipendio, e Amedeo sapeva aspettare con garbo i suoi clienti.



AMEDEO VISENTIN
E
MARIA MAISTRELLO VISENTIN



37040 CROSARE di PRESSANA (Vr) - Via Don Carlo Bellini, 3 - Tel. 0442 86066 - Fax 0442 460111 - E-mail : crosare@libero.it - C.FISC. - P.IVA : 01913350235